giovedì 31 maggio 2018

I PREFERITI DI MAGGIO 2018

Tutto quello che mi è piaciuto in questo mese




Cari lettori,
eccoci all’appuntamento di maggio con i “Preferiti del mese”!
Questi sono i miei consigli, tra letture, poesie, film e musica…



Il libro del mese



Il protagonista dell’ultimo romanzo di Nicholas Sparks, La vita in due, è Russell, un trentaquattrenne del North Carolina che ha sempre desiderato una famiglia tradizionale ed affettuosa ed ora lavora come pubblicitario mantenendo la moglie Vivian e la sua piccola figlia London. 
Nonostante piccole incomprensioni e difficoltà, egli si sente realizzato e compreso, anche grazie ai suoi genitori ed alla sua affezionatissima sorella Marge.

Un giorno, però, sul lavoro inizia ad andare tutto storto e Russell comprende di essere sulla lista di coloro che potrebbero essere licenziati. 
Egli decide d’impulso di dare le dimissioni prima e di provare a mettersi in proprio, ma l’attività stenta a decollare e Vivian, insoddisfatta della situazione, riprende a lavorare, affidandogli sempre più spesso la cura della bambina.

Per Russell è l’inizio di una serie di disavventure che lo porteranno alla disgregazione della sua “famiglia perfetta”. Egli si ritroverà inaspettatamente ad essere papà single della piccola London, ed ai dispiaceri di cuore si aggiungeranno quelli familiari…


Ho già parlato di Nicholas Sparks in questo progetto a più mani e devo dire che nemmeno questa volta mi ha deluso. Conoscendo la storia personale dell’autore, ho sentito molta più autobiografia in questo suo romanzo rispetto ad altri, soprattutto considerando il recente divorzio dalla moglie Cathy (che io, dopo cinque figli e milioni di romanzi d’amore, non mi sarei mai aspettata). 

La vita in due è una storia molto struggente, ed anche una bella riflessione su cosa significhi essere un padre.



Il film del mese



Come già fatto in gennaio, vi consiglio una pellicola con Antonio Albanese (qui anche regista), dal titolo Contromano.

Questa volta egli interpreta il ruolo di Mario Cavallaro, il proprietario di un negozio di accessori – soprattutto calze – che il padre gestiva prima di lui. 
È una persona estremamente abitudinaria: beve il caffè sempre nello stesso bar, vive da solo (al massimo cena con una vicina), ha piantato un orto in terrazza che è la sua unica fonte di relax e divertimento. 

Egli mal tollera i tanti ambulanti che lo importunano per strada e, quando un venditore di calze abusivo, un ragazzo di colore, inizia a fare affari proprio davanti a lui portandogli via la già misera clientela, la rabbia prende il sopravvento.

Venuto prima alle mani e poi a patti con il suo rivale, decide di fare un viaggio insieme a lui ed alla sorella per riportarli in Africa. 

Egli è fermamente convinto di dare un esempio ai suoi connazionali (“Se facessero tutti come me il problema degli extracomunitari si risolverebbe!”), ma non sa ancora che quel viaggio attraverso l’Italia e poi il Mediterraneo sarà molto istruttivo per lui e per i suoi due compagni.


Questa pellicola mi ha molto colpito perché racconta con amara ironia tante situazioni di tipo sociale ed economico che si sono verificate in Italia in questi anni. Purtroppo è un momento di crisi e precarietà, e la diffidenza nei confronti di chi sembra venire da altri paesi a “rubare il lavoro” è spesso tangibile. 
Il film di Albanese ci invita a sorridere e ad accettare con più consapevolezza chi è diverso da noi.



La musica del mese

Come forse qualcuno di voi già sa, da quasi due anni non frequento più soltanto la mia solita scuola di danza moderna, ma il lunedì sera vado ad un divertentissimo corso che mixa i passi base dei balli di coppia più conosciuti ad un po’ di aerobica.

È abbastanza intenso e faticoso, anche per una “veterana” della danza, ma è anche un antistress pazzesco! 

Oggi vi consiglio alcune canzoni che appartengono alla coreografia dell’ultimo trimestre e che trovo particolarmente simpatiche e ballabili.



La prima è Run around Sue, il remake di una famosissima canzone della tradizione americana, che noi ascoltiamo nella versione cantata dal gruppo Human Nature. 
La balliamo come una sorta di boogie!



La seconda è La felicità di Simona Molinari, cantante bravissima e molto elegante che si era presentata a Sanremo qualche anno fa. 
Abbiamo trasformato anche questo pezzo in una sorta di ballo da sala, una specie di quickstep.



Per quanto riguarda i “latini”, non poteva mancare la salsa, e questa volta abbiamo scelto la simpatica Havana di Camila Cabello, un vero tormentone degli ultimi mesi.




Ultimo consiglio a tema latino: il mambo, con il pezzo anglo-spagnolo 1,2,3 di Sofia Reyes e Jason Derulo.



La poesia del mese



Per il mese di maggio, tra le prime notti un po’ più calde e l’avvicinarsi dell’estate, da sempre considerata dai poeti la stagione della passione, ho scelto questo suggestivo componimento di Sandor Petofi, dal titolo Io sarò albero.


Sarò albero se ti farai
fiore d’un albero:
se rugiada sarai mi farò fiore.
Rugiada diverrò se tu sarai
raggio di sole:
così, mio amore, noi ci uniremo.
Se, mia fanciulla, tu sarai cielo,
io diverrò, allora, una stella:
se, mia fanciulla, tu sarai inferno,
io per amarti mi dannerò.



Le foto del mese



In questa stagione, mi piace molto passeggiare. Questa foto è il ricordo di una domenica pomeriggio in campagna!




Per i milanesi è un cult, per gli appassionati di piante e fiori è imperdibile. Sto parlando di Orticola, la manifestazione che si tiene sempre nel corso di un weekend di maggio presso i Giardini Pubblici Indro Montanelli. 
Una mostra-mercato che frequento da qualche anno e che mi sorprende sempre.



In definitiva, ho passato le serate del mese di maggio… danzando! Lo spettacolo di fine anno è sempre più vicino, e queste sono le coreografie che interpreterò.




Come sempre, aspetto un vostro riscontro sul vostro mese di maggio!
Fatemi sapere se qualcosa in particolare vi ha colpito, che sia una lettura, un film, una canzone o altro.
Grazie per la lettura, ci sentiamo a giugno con i prossimi post :-)

28 commenti :

  1. Tanti in bocca al lupo per il tuo spettacolo Silvia!
    Bellissime le foto della passeggiata e condivido il tuo pensiero su Sparks. Quel libro è particolare però rispecchia il momento della vita dell'autore e come te non avrei mai immaginato un divorzio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo Susy!! :-)
      Vedo che su Sparks siamo d'accordo!

      Elimina
  2. Ma quanto è bella la seconda foto! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Devo dire che la location di Orticola è molto bella :-)

      Elimina
  3. La poesia è incantevole! Non conoscevo Sandor Petofi ma lo approfondirò sicuramente. Il mio maggio è stato caotico: lavori in casa, studio e stanchezza causata dai primi caldi. Non ho ascoltato musica e, per quanto riguarda le letture, mi sono dedicata alle posie di Michele Mari ed a una raccola di racconti sul cibo. Invidio le tue passeggiare in mezzo alla natura, nel fine settimana me ne concederò una anche io.
    Grazie per aver condiviso il resoconto del tuo mese!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica! Anche io non conoscevo l'autore, ma ho trovato la poesia e mi è sembrato bello condividerla.
      Non ho mai letto le poesie di Michele Mari.
      Dai, vedrai che qualche passeggiata favorirà il relax :-)

      Elimina
  4. Un maggio a passo di danza quindi, con intermezzi bucolici ;)
    Sul versante tersicoreo mi limito ad ammirare, vista la mia eleganza di movimenti prettamente ursina XD; condivido invece l'amore per le passeggiate in campagna... il miglior anti-stress ;)

    Devo dire che Nicholas Sparks è un autore che ho sempre snobbato (ritenendolo strettamente per "signore"), però le vicende di padri e figli mi attirano... chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi sono divisa un po' tra la danza e la natura nel mio tempo libero...le passeggiate rilassano molto!
      Questo romanzo di Nicholas Sparks ha un punto di vista maschile, magari potrebbe interessarti!

      Elimina
  5. Bellissima la poesia, ammetto che non la conoscevo.
    Nicholas Sparks invece l'ho lasciato: libri troppo tristi, a un certo punto non ce la facevo più!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca! Anche io non conoscevo l'autore e sono stata contenta di scoprirlo. è vero, nei romanzi di Sparks non manca mai un po' di tristezza, ma a me continua a piacere...ricambio l'abbraccio. :-)

      Elimina
  6. Credo che ballare sia decisamente un buon modo per passare un mese! Che rimanga tra noi, ma io invece sono praticamente un tronco...
    Molto carina anche la poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beth! Se il ballo ti incuriosisce, ci sono comunque corsi a tutti i livelli :-)
      Anche a me è piaciuta molto la poesia!

      Elimina
  7. Bellissimo il libro, bella la poesia e suggestivi i tuoi scatti. Ciao Silvia.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa, grazie mille, sono contenta che anche tu abbia apprezzato il libro!

      Elimina
  8. Sempre bello vedere pezzetti delle vostre vite, nella fattispecie con le foto :).

    Musicalmente hai citato un pezzo che mi piacque tantissimo: "Felicità". Su Havana invece soprassiedo: Camila Cabelo la considero fastidiosissima. Cambio stazione radio dopo un nano secondo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...a me Havana piace proprio come "tormentone", invece :-)
      "Felicità" è proprio un bel pezzo!

      Elimina
  9. Ci metto sempre decenni a togliermi dalla testa Havana, mi piace molto come canzone!
    Il libro di Sparks lo devo ancora comprare perchè i suoi libri li ho più o meno tutti anche se ammetto di averne letti molto pochi. Magari mi ci dedico quest'estate!
    In bocca al lupo per lo spettacolo!
    ...Havana-nana-nà! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofia, bentornata!! :-)
      Fammi sapere che ne pensi di Sparks, e crepi il lupo!!

      Elimina
  10. mi piacciono sempre tanto i tuoi preferiti del mese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara!! Mi fa veramente piacere :-)

      Elimina
  11. Ciao! Non ho letto niente di Nicholas Sparks, nonostante non ce ne sia una vera ragione, ma spero di riuscire a farlo presto. "Contromano" mi incuriosisce molto, non ne avevo mai sentito parlare ma mi sembra molto bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Se ti ho incuriosito, leggi qualcosa di Sparks e fammi sapere che cosa ne pensi :-) "Contromano" a me è piaciuto!!

      Elimina
  12. Credo che la Cabello farà parecchia strada, è davvero un talento ;)
    Sul film invece sono abbastanza freddo, tuttavia chissà :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro! Anche secondo me la Cabello è una delle prossime grandi popstar. Se ti va, prova a dare un'occhiata al film e dimmi che ne pensi :-)

      Elimina
  13. Che belle queste condivisioni!! *_*
    La mia canzone di maggio è sicuramente Nessuno vuole essere robin di Cremonini, non ho fatto che ascoltarla praticamente per tutto il mese :-D
    Tra i libri, mi è piaciuto molto Una notte soltanto, Markovitch.non è stato un mese pienissimo di letture,ma devo dire... poche ma buone :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! La canzone di Cesare Cremonini è bellissima, non posso non essere d'accordo! Non conosco invece il romanzo che hai citato :-)

      Elimina
  14. Se non erro, ho letto un solo libro di sparks e non mi era nemmeno piaciuto tanto :( forse ho scelto il libro sbagliato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Se vuoi, prova a leggere questo, allora :-)

      Elimina