lunedì 31 luglio 2017

VIVA GLI SPOSI!

I film più divertenti sul matrimonio



Cari lettori,
per il nuovo appuntamento con la nostra rubrica “Consigli cinematografici” ho pensato di proporvi qualcosa che fosse in stagione: le cerimonie!

Come tutti sanno, il periodo che va da maggio a ottobre viene considerato, in generale, il più adatto per i matrimoni.

Le reazioni delle persone davanti a questo tipo di invito, in genere, sono contrastanti: c’è chi si diverte e non vede l’ora di festeggiare, chi lo vede come un appuntamento in con famiglia e/o amici più o meno piacevole o gravoso e chi preferirebbe persino chiudersi in ufficio piuttosto che andarvi.


I matrimoni costituiscono sicuramente una situazione molto particolare: spesso, infatti, tante persone che si conoscono appena sono costrette a trascorrere insieme un’intera giornata, tra cerimonia e ricevimento, tra brindisi festosi e commozione.

Per questo motivo il cinema, specie la commedia, si è davvero scatenato, proponendo tante storie diverse che hanno come unico denominatore comune proprio le nozze. Vediamo insieme i più famosi, cercando di accontentare i gusti di tutti…



Per le quasi-spose indecise
Se scappi ti sposo, di Garry Marshall (1999)




Questa romantica commedia del (da me moltissimo) compianto regista Garry Marshall è ormai un classico, grazie anche all’impeccabile interpretazione di Julia Roberts e di Richard Gere, che erano già molto in armonia tra loro in Pretty Woman.

Il protagonista della storia, Ike Graham, è un giornalista di New York a cui serve una storia interessante per ravvivare la rubrica che scrive regolarmente. Quasi per caso egli viene a conoscere la storia di Maggie Carpenter, un’operaia del Maryland che è già scappata all’altare di fronte a tre uomini e che ora sembra intenzionata a “tentare il matrimonio” una quarta volta.
Ike scrive l’articolo denigrando la donna e la sua supposta crudeltà nei confronti degli uomini, ma esagera e finisce con l’attirarsi le ire dell’opinione pubblica e della stessa Maggie, che scrive una lettera di protesta. Licenziato dal suo capo (che è anche la sua ex moglie), egli si trasferisce nel paesino di campagna della donna cercando, in qualche modo, di fargliela pagare.


L’aspetto più interessante di questa pellicola è il fatto che lo spettatore riesca a conoscere, a poco a poco, il vero carattere di Ike e Maggie, che emerge pian piano al di là delle tante schermaglie e battutine.

Il primo si presenta come il classico divorziato piuttosto cinico ed arrabbiato con tutte le donne (specie con quelle più seduttive) e finisce per rivelarsi una persona molto attenta, sensibile e solitaria (la ex moglie ed il nuovo marito di lei sono, in definitiva, i suoi unici amici).

La seconda, invece, rivela a poco a poco la sua fragilità ed il desiderio di uniformarsi, di volta in volta, all’uomo che ama (o che crede di amare), assecondandolo in tutto, fino a perdere di vista le sue reali ispirazioni e perfino i suoi gusti. Il più intimo desiderio di Maggie è trovare qualcuno che si innamori non dell’idea di lei, ma di quello che è veramente, e sembra davvero un sogno impossibile… fino all’incontro con Ike (forse).

Come ho già detto un’altra volta, consigliando Notting Hill, le commedie degli anni ’90 con Hugh Grant, Julia Roberts e Richard Gere sono forse un classico della “mia generazione”, ma mi sento di consigliarle di cuore anche ai giovanissimi.



Per chi ritiene inutile avere una “wedding planner”
Prima o poi mi sposo, di Adam Shankman (2000)



L’italo – americana Mary Fiore (Jennifer Lopez) è una wedding planner, ovvero un’organizzatrice di matrimoni di professione. Conduce un’esistenza che sembra sempre sotto i riflettori, tra le pretese dell’ereditiera di turno ed i ricevimenti milionari di chi la ingaggia.

Appena il matrimonio di turno finisce, però, Mary si ritrova a casa da sola, tra una cena consumata davanti alla tv ed una partita a scarabeo con gli amici di suo padre. Mary sta bene in questa situazione, ma il vecchio genitore è spaventato dalla prospettiva che la figlia rimanga sola e la spinge a frequentare Massimo, un ragazzo italiano arrivato negli Stati Uniti da poco.

Mary, però, una sera conosce un ragazzo chiamato Steve, con cui sembra esserci attrazione, ma che poi non riesce a rivedere. Pochi giorni dopo, però, ella lo incontra nuovamente e scopre non solo che è un pediatra, ma anche e soprattutto che è il promesso sposo di Fran, la ricchissima donna che l’ha appena assunta come wedding planner. …Che fare?


Anche questa commedia è ormai un classico a tema “matrimonio”: in tv è replicatissima e credo che siano rimasti in pochi a non averla vista.
Io mi sento comunque di consigliarla perché i tanti equivoci sono sempre divertenti e perché credo che Jennifer Lopez riesca a dar vita ad una protagonista molto credibile. Molto simpatici anche gli amici di famiglia, uno più stravagante dell’altro.

Sono invece le figure del padre e di Massimo a risultare un po’ stereotipate, soprattutto per un’italiana che vede questa pellicola.
Non è credibile immaginare che nel 2000 un genitore italiano spinga la figlia ad un matrimonio combinato: va bene essere un paese famoso per essere cattolico ed un po’ all’antica, ma qui si esagera!
Per non parlare del fatto che nessun, ripeto, nessun ragazzo italiano degno di questo nome toccherebbe con la punta del dito mignolo il mac’n’cheese americano in scatola.



Per chi deve partecipare ad un matrimonio interculturale
Il mio grosso grasso matrimonio greco, di Joel Zwick (2002)



La protagonista di questa storia è Toula, una trentenne un po’ trascurata ed in sovrappeso, che lavora nel ristorante di famiglia e ne subisce l’atteggiamento chiassoso, invadente e piuttosto all’antica.
Stanca di aver sopportato questa situazione per anni, ella riesce a persuadere il padre a frequentare un corso di informatica ed a lavorare con la zia in un ufficio aperto al pubblico.

Proprio lì incontra Ian, professore di Lettere americano, molto intelligente e riservato. La relazione tra i due inizia con grande entusiasmo, ma le differenze culturali sono tante ed innegabili, e non solo perché Ian proviene da una famiglia piccola e silenziosa, mentre quella di Toula è enorme e sfrutta ogni occasione per fare festa. Per far sì che i due protagonisti arrivino al matrimonio saranno necessari tanti cambiamenti, dalla religione alle abitudini alimentari, ma ci saranno anche sorprese inaspettate e, per lo spettatore, tanto divertimento.


Il messaggio di questa pellicola è sempre attuale: per aprirsi al mondo e far sì che si presentino nuove possibilità, è necessario mettersi sempre in gioco, essere disposti a conoscere nuove realtà ed a trovare un compromesso.

Questo film è consigliato anche a tutti coloro che hanno a che fare con una famiglia un po’ stressante e che magari hanno pensato più volte di avere dei “parenti serpenti”: credetemi, vi consolerete parecchio!



Per chi eviterebbe volentieri tutta la cerimonia
The wedding date – L’amore ha il suo prezzo, di Clare Kilner (2005)



Al centro di questa romantica e pungente commedia americana c’è Kat, una giovane donna che non è ancora riuscita a dimenticare Jeffrey, l’uomo che avrebbe dovuto sposare e che l’ha lasciata.

Dovendo tornare a casa per il matrimonio della sorellastra, ella scopre con disappunto che il futuro marito di quest’ultima ha scelto come testimone proprio Jeffrey e decide di presentarsi alla cerimonia con un uomo, chiunque esso sia.

Ella contatta così Nick, un accompagnatore di professione dall’aspetto elegante e dai modi cortesi, che conquista subito la simpatia di tutta la famiglia di Kat.
Tra un addio al nubilato ed una corsa sul parco, tra un cocktail ed una cena, i due protagonisti impareranno a conoscersi meglio e Kat inizierà a capire che forse non è Jeffrey la persona che vuole. Un segreto di famiglia non ancora venuto a galla, però, rischia di compromettere tutto.


Rivedo sempre con piacere questa commedia, che trovo divertente e spiritosa. Credo che, a parte i protagonisti, siano stati ben caratterizzati anche alcuni personaggi minori, come l’ironica cugina di Kat o il suo premuroso patrigno (con il quale ella ha un rapporto più stretto di quello che ha con la madre).
Se non l’avete ancora visto, dategli un’opportunità!



Per chi vive i matrimoni da vera “amica del cuore”
27 volte in bianco, di Anne Fletcher (2008)



Vi è mai capitato di essere così coinvolte nell’organizzazione di un matrimonio da avere l’impressione di essere più indaffarate degli sposi stessi? È ciò che capita a Jane, la protagonista di questa storia, sempre pronta ad aiutare amiche, conoscenti, colleghe con i preparativi. La sua passione per le cerimonie è così forte che ella è stata damigella ben 27 volte, e conserva tutti gli abiti che ha utilizzato per i matrimoni nel suo armadio, in attesa del giorno in cui sarà finalmente la sposa e non più solo una testimone.

Da anni Jane è innamorata del suo capo, un tipo affidabile, atletico e dedito a cause sportive ed animaliste, ma egli, come da copione, non la considera niente di più di una dipendente molto affidabile e di una buona amica.

L’imprevisto arrivo della sorella minore Tess si rivela una tragedia per la nostra protagonista: il suo capo, infatti, si innamora di quest'ultima, ed i due si rivolgono proprio a Jane affinché organizzi loro il matrimonio.
Nel frattempo Kevin, un brillante ed ironico cronista, tenta in tutti i modi di avvicinare la ragazza, per farsi raccontare per quale motivo ella continui ad organizzare matrimoni altrui…


Questa commedia in bilico tra risate e frustrazione, tra litigi familiari e riconciliazioni, tra romanticismo e cinismo è condotta alla perfezione da Katherine Heigl, ormai diventata una delle icone più celebri della commedia rosa americana.




È davvero troppo difficile restringere il campo tra tutte le commedie che hanno dato spazio alla tematica del matrimonio. Per questo motivo non escludo di riparlarne, magari in un altro post, con un differente filo conduttore.
Nel frattempo, fatemi sapere se avete visto questi film, se vi sono piaciuti, se me ne consigliate altri a tema!
Grazie per la lettura!
Ci diamo appuntamento ai primi di agosto con l'ultimo post prima della pausa per le vacanze :-)

25 commenti :

  1. Ciao Silvia, sono carinissimi questi film! Ti consiglio anche "La mia miglior nemica", una commedia molto ironica e divertente :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ho sentito parlare di "La mia miglior nemica"... senz'altro lo vedrò!

      Elimina
  2. Ho visto tutti questi film 🎬 e sono molto carini, "Se scappi ti sposo" e "Prima o poi mi sposo" sono tra i miei preferiti. A proposito di Hugh Grant, anche il film "Quattro matrimoni e un funerale" è a tema!😊 Buon inizio settimana Silvia!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! "Quattro matrimoni e un funerale" è vecchio ma mi manca! Buon inizio settimana anche a te :-)

      Elimina
  3. Ciao! Dei film da te elencati ho visto solo Il mio grosso, grasso matrimonio greco, che trovo molto carino ma che non è proprio il mio generexD Io sono esattamente un orso, come quelli da te descritti, e odio presenziare ai matrimoni (giuro che non è per invidia, è che mi costringe a stare un giorno intero con parenti mai visti ma che comunque vogliono farsi i cavoli miei.. ODIOxD), quindi come film mi attirano il giustoxD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Io sinceramente mi diverto ai matrimoni degli amici, meno a quelli di parenti lontani e conoscenti. I film, però, secondo me, sono divertenti!

      Elimina
  4. Ma ci sono anche "Quattro matrimoni e un funerale" e "Il matrimonio del mio migliore amico"... pietre miliari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per non parlare de "Il padre della sposa"! :)

      Elimina
    2. Hai ragione Luz...mi mancano queste pietre miliari! In realtà ho visto "Il matrimonio del mio migliore amico", ma non mi fa impazzire!

      Elimina
  5. Non mi vergogno di dire che questi film li ho visti tutti, ma nessuno mi è rimasto davvero impresso, comunque preferisco quelli dove si ride, e in tal senso 2 single a nozze è un ottimo esempio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro! Hai ragione: 2 single a nozze fa veramente ridere ed è in tema!

      Elimina
  6. Conosco questi film e anche se il genere non rientra tra i miei preferiti, sono carini da vedere in compagnia 👍
    Io sono più patita per il cinema italiano, non me ne vengono in mente tanti(anche perché sfoceremmo nel cinepanettone 😢) però pensavo a Io che amo solo te, tratto dall'omonimo libro di bianchini. Molto carino e ruota attorno al matrimonio 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! "Io che amo solo te" mi incuriosisce, magari lo vedrò! Anche se questo post è dedicato alla commedia internazionale, anche a me piace il cinema italiano :-)

      Elimina
  7. 27 volte in bianco è un film davvero carino ^-^ Anche quello con Jennifer Lopez non è malaccio... comunque mi piace molto come genere (ma vaaa, non l'avrei mai detto ahaha) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicky! Immaginavo che questi film fossero il tuo genere :-)

      Elimina
  8. Ciao silvia! Un post davvero simpatico, ho visto tutti i film che hai citato e in effetti penso siano i migliori a tema matrimonio.
    In particolare "se scappi ti sposo" lo trovo molto originale e frizzante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emili! "Se scappi ti sposo" secondo me è ormai considerabile un classico :-)

      Elimina
  9. Ho perso il conto delle volte che ho visto 27 volte in bianco. xD

    RispondiElimina
  10. L'ultima volta che ho presenziato ad un matrimonio ero talmente piccola che neanche me lo ricordo. Quest'anno in realtà sono arrivati ben due inviti da parte di amici, purtroppo entrambi lontani (uno comportava addirittura un viaggio intercontinentale!) e quindi, a causa del mio infortunio, non ho potuto presenziare a nessuno dei due.
    Venendo alle commedie da te citate, devo dire di averli visti quasi tutti. Da piccola mi piaceva molto "Il mio grasso, grosso matrimonio greco", ma ancor di più "Se scappi ti sposo". Da bambina ADORAVO Julia Roberts e di conseguenza tutti i film dove c'era lei. Anche se su questo genere, il mio preferito resta "Il matrimonio del mio migliore amico" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Julia! Anche io ho avuto degli anni in cui adoravo ogni singolo film della Roberts...è stata la regina della commedia per un bel po', se ci pensi!

      Elimina
  11. Ciao! Questo genere di film ogni tanto lo guardo, forse di più anni fa ma se ricapita riguardo volentieri qualcosa, come "27 volte in bianco" o "Il mio grasso grosso matrimonio greco". Ne cito anche un paio che non hai messo come "Il matrimonio del mio miglior amico" e "Bride Wars - La mia migliore nemica". Hai ragione, riesci a farci tranquillamente un altro post! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! In effetti mi state consigliando in tanti dei film a tema molto gettonati...magari tra un po' arriverà la "parte 2"!

      Elimina
  12. ciao! Li ho visti tutti tranne l'ultimo. E mi sono piaciuti, soprattutto il primo. Ogni tanto è bello staccare e rilassarsi anche con un film leggero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! In effetti ho scelto questo post perché siamo in tanti ad essere in vacanza o quasi, ed è giusta anche un po' di leggerezza!

      Elimina