domenica 17 febbraio 2019

L'ANGOLO VINTAGE 2.0 - FEBBRAIO 2019





Cari lettori,
oggi inauguro con voi una nuova rubrica, chiamata, come recita il titolo, “L’angolo vintage”. 

Si tratta di una collaborazione con gli altri bloggers che vedete indicati nel banner soprastante; l’appuntamento è il 17 di ogni mese, anche se la partecipazione è libera e si può contribuire anche solo alcuni mesi dell’anno.


L’angolo vintage nasce dalla necessità di recensire alcune vecchie letture, magari ultimate prima ancora di aprire il blog, oppure di dare spazio a dei romanzi che l’anno scorso o quello prima erano novità da recensire e che poi sono stati messi da parte a favore di altri libri che ci hanno convinto maggiormente.


Ho pensato e ripensato a che cosa inserire in questo primo post, ed alla fine ho pensato di inaugurare questa mia versione della rubrica in modo un po’ originale, inserendo qualcosa che ho letto ben prima di aprire il blog, qualcosa di davvero "vintage".


Poche cose suscitano in noi una sensazione di nostalgia quanto i romanzi che abbiamo amato da adolescenti. Per questo motivo oggi ho deciso di parlarvi di tre libretti della collana Le ragazzine, che andavano molto di moda quando ero alle medie ed alle superiori. 


Ho già parlato di un paio di essi in questoquesto booktag. 

Oggi vi propongo tre storie che mi sono rimaste nel cuore, che parlano di famiglia, amici, primi innamoramenti.
Il primo dei tre è perfetto per la festa di San Valentino, che è appena passata!




SE CUPIDO MI DESSE UNA MANO… LUI MI AMEREBBE ALLA FOLLIA?

Di Joan Bauer



La protagonista di questo romanzo è Allison, da tutte chiamata A.J., una quasi diciottenne all’ultimo anno di liceo. 
Ella ha una grande passione per la fotografia, ereditata dal padre, il quale, però, conosce bene la difficoltà di affermarsi in questo mestiere, ha dovuto da tempo ripiegare su un’altra professione e non vede di buon occhio il desiderio della figlia di iscriversi ad un’accademia per futuri fotografi dopo il diploma.

La fine della scuola, però, è ancora piuttosto lontana: è Febbraio, il mese di San Valentino, e A.J. ha un solo pensiero in testa: il bello della scuola, Peter Terris, che è ovviamente fidanzato con la ragazza più popolare dell’Istituto. Triste e sconfortata, ella è decisa a saltare il ballo della scuola, almeno finché non le accade un evento molto strano ed un po’ soprannaturale.

Una sera, infatti, A.J. trova sul parabrezza della sua automobile un piccolo Cupido di pezza, dall’aria piuttosto rovinata e consunta. Ella decide di provare a rendere il pupazzetto protagonista di un suo scatto, ma, una volta tornata a casa, succede l’incredibile: il Cupido si anima e parla!

Egli propone ad A.J. una scelta: può aiutare la ragazza, ma solo in un campo tra scuola, fotografia ed amore. L’ultimo settore è il più rischioso, ma A.J. si sente così innamorata di Peter che tenta di convincere in tutti i modi il Cupido ad accontentarla ed a far sì che il ragazzo ricambi i suoi sentimenti. 

L’angioletto, suo malgrado, acconsente, ma avvisa la ragazza che le conseguenze e gli effetti collaterali di questa sua decisione saranno molto gravi…!


Ricordo molto bene questo romanzo e mi rendo conto, con il senno di poi, di quanto sia stato istruttivo per me quando non ero che una ragazzina un po’ sdolcinata, che aveva, in sostanza, lo stesso problema di A.J. 
Ella, infatti, come il Cupido le fa notare più e più volte nel corso delle loro discussioni, non si innamora realmente dei ragazzi, ma, da artista qual è, insegue un’immagine e l’idea di essa, trovando così una musa ispiratrice, ma non una persona realmente presente ed interessata. 
Peter, più che un affetto, è per lei una “chiave” per sentirsi più soddisfatta di se stessa ed accettata da quelli che contano all’interno della scuola. L’incontro con il Cupido le permetterà di capire l’importanza di riconoscere le persone che davvero tengono a lei.




ALLA LARGA DAL MIO DIARIO...O SARÀ PEGGIO PER VOI!

Di Pat Moon



Questo libro è presentato come il diario di Finch, una ragazza di tredici anni che vive in Inghilterra con la madre Debby, una ragazza madre di appena trent’anni, e la “nonna adottiva” Nolly, un’ex barista rimasta sola al mondo che si è presa cura prima di sua madre (che era una sua cameriera) e poi di lei. 

Le tre donne, nonostante le tante difficoltà economiche, riescono a vivere più che dignitosamente e in grande armonia tra loro. Finch è serena, grazie anche ai suoi migliori amici: la sua compagna di scuola Cass ed il suo inseparabile coniglio Graeme (versione scozzese di Graham).

Un giorno, però, quest’armonia si rompe: Debby incontra quasi per caso Ian, un operaio che si offre di aiutarla a costo zero per alcuni lavori casalinghi, e ben presto tra i due inizia una relazione. 
Finch, gelosa della madre e diffidente nei confronti del “nuovo arrivato”, elabora ogni genere di piano per far sì che Ian, da lei rinominato simpaticamente “Big Jim”, se ne vada e lasci in pace tutte loro. Ma l’arrivo di una figura paterna nella sua vita non dev’essere necessariamente un male…


Ho letto questo romanzo da ragazzina e, com’è ovvio, ho simpatizzato con Finch. 
Il fine del libro è quello di parlare con ironia e delicatezza delle sensazioni che provano i bambini ed i ragazzi quando si trovano in situazioni tipiche della “famiglia allargata”, e credo che l’obiettivo sia stato pienamente raggiunto. 
Ripensando a questa storia da adulta, tuttavia, credo che la vera eroina della storia sia Debby, che ha praticamente la mia età e deve gestire una serie di gravi problemi: è madre single di una figlia già adolescente, ha una “mamma adottiva” tanto cara ma affetta da problemi di salute, il suo lavoro le frutta ben magri guadagni e quando trova un fidanzato teme il giudizio di sua figlia… Nonostante tutto questo, resta una donna positiva, allegra, buona. Un vero esempio.




PARLIAMONE… NON DOVRESTI ESSERE TU IL MIO ANGELO CUSTODE?

Di Andrew Matthews



Lauren ha sedici anni ed una vita molto ordinaria: un buon rendimento a scuola, una famiglia composta dai genitori e da una sorella minore ancora un po’ infantile, una migliore amica molto diversa da lei con la quale tuttavia ha una grande intesa, un lavoretto al mercato nel corso dei weekend. 
In generale non ha una grande autostima e trova che la sua routine sia abbastanza piatta, ma da qualche settimana ha una relazione con Adam, un ragazzo molto popolare della scuola, e questo le basta per essere felice.

Quando però il ragazzo la lascia, all’improvviso ed accampando delle scuse piuttosto ridicole, a Lauren sembra di non avere più niente. Una sera, ella dice ai suoi genitori di avere un appuntamento e si ritrova al tramonto di fronte al fiume gelido e fangoso, piena di tristi pensieri. 

Proprio in quel momento, si sente chiamare da uno sconosciuto, e per un attimo ha paura che si tratti di un malintenzionato.
L’uomo che le sta davanti, però, è vestito in modo impeccabile, parla educatamente e si presenta a lei dicendole di chiamarsi Pontifex e di essere il suo angelo custode, giunto sulla Terra per aiutarla.

Lauren proviene da una famiglia atea e teme che si tratti soltanto di un distinto gentiluomo che ha bevuto un po’ troppo, ma è costretta a ricredersi quando l’uomo le racconta dei segreti che lei sola conosce. 

Decide di provare ad affidarsi ai consigli del misterioso Pontifex, ma si rende conto ben presto che, così come egli si occupa di lei, così lei deve occuparsi di lui, che non conosce nulla della Terra e commette il pericoloso errore di credere che tutti gli umani siano buoni come lui.
L’amicizia con il suo pasticcione angelo custode, tuttavia, la rende giorno dopo giorno sempre più responsabile e le fa vedere tanti aspetti della sua vita sotto un’altra luce.


Il punto di forza di questo romanzo è indubbiamente l’aver trovato un pretesto originale e fantasioso per far sì che la classica adolescente priva di autostima impari ad essere più consapevole di se stessa e di quello che la circonda. 
Lauren ha già avuto tanto dalla vita...deve solo imparare a rendersene conto.
Pontifex è un personaggio unico al mondo, risate assicurate!
Anche la migliore amica di Lauren, Jess, è quella che tutte noi dovremmo avere.




Conoscete questi romanzi? Li avete letti nel periodo in cui questa collana spopolava?
Con il senno di poi, sono fortemente convinta che per me siano state delle letture davvero educative.
Vi invito a leggere anche “L’angolo vintage” delle mie colleghe bloggers!
Grazie per la lettura, al prossimo post :-)

23 commenti :

  1. Non ho letto questa serie qui, ma una molto simile per argomenti trattati. Sono letture che ricordo anche io con tanto piacere e nostalgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! è vero, sono storie di un po' di anni fa...ma si ricordano sempre con piacere!

      Elimina
  2. Ciao Silvia! Quanti ricordi questa serie, io ricordo che avevo ricevuto ad un compleanno "Preferisci me o quella vipera snob?" e "Ragazze, non facciamoci illusioni: i maschi vengono da un altro pianeta"; il primo ricordo che mi aveva appassionata un sacco, il secondo non sono mai riuscita a finirlo perché era una specie di manuale. Poi le edizioni con queste copertine coloratissime erano veramente adorabili! Mi dispiace di non aver letto quelli da te indicati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria! Io credo di aver letto tanti titoli di questa collana, tra i quali, penso, anche quelli che hai citato. Al tempo, avevo recuperato la maggior parte di essi in biblioteca. Avevo invece comprato quelli che ho recensito oggi, e per questo motivo ho avuto occasione di rileggerli anche da adulta...

      Elimina
  3. Bene arrivata all'Angolo Vintage! Non conosco questa serie, ma le copertine sono spettacolari. Anche gli argomenti trattati mi piacciono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille per il benvenuto! Hai ragione, le copertine sono super simpatiche :-)

      Elimina
  4. Ciao Silvia, anch'io leggevo questa serie! Alcuni mi piacevano molto (ricordo con piacere quelli scritti da Rosie Rushton), altri li trovavo un po' sciocchini... Dei tre che hai citato ho letto solo il primo! Buona domenica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Di Rosie Rushton ricordo "Mamma non fare scenate" :-) Alcuni romanzi erano migliori di altri, ma questi mi erano piaciuti tanto! Buona domenica anche a te :-)

      Elimina
  5. Mai lette queste storie, ma prendo volentieri appunti. Benvenuta nel gruppo

    RispondiElimina
  6. Cara Silvia, tutte brevi ma bellissime! Complimenti.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso! Hai ragione, sono letture scorrevoli ma carine :-) Buona domenica anche a te!

      Elimina
  7. Questa nuova rubrica mi sembra molto interessante.
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia! Io sono contenta di essere stata invitata, spero di riuscire a partecipare buona parte dei mesi!

      Elimina
  8. Bellissima rubrica, complimenti e il libro "Alla larga dal mio diario" ricordo di averlo regalato e, come sempre, prima di donarlo lo avevo letto e apprezzato. Ciao Silvia e buona continuazione di domenica.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa! Sono contenta che anche a te sia piaciuto Alla larga dal mio diario! Ti auguro una buona domenica sera!

      Elimina
  9. Eh no,è una serie che non conosco :/
    Bello,quest angolo vintage!!
    Buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! Felice che tu abbia apprezzato la mia nuova rubrica, buona serata!

      Elimina
  10. Ciao Silvia! Seguirò con piacere questa rubrica =)
    La serie non la conosco ma somigliano a libri che leggevo tantissimi anni fa =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess! Sfornano libri per teenager diversi per ogni generazione! Questa serie era particolarmente famosa 👌

      Elimina
  11. Non li conoscevo proprio ma è una collana veramente interessante, credo che mi informerò! Grazie Silva, sono contenta della tua partecipazione

    RispondiElimina
  12. Ciao! Che carini questi libri, una collana che non conoscevo ma sembra proprio interessante.

    RispondiElimina