lunedì 22 gennaio 2018

CINEFORUM INVERNO 2017-2018

La mia recensione dei film che ho visto




Cari lettori,
nuovo appuntamento con i “Consigli cinematografici” e con il cineforum. Potete trovare le puntate precedenti a questo ed a questo link.

Tutti i film che ho visto in questo periodo e che oggi vi commento sono stati visionati tra il Cinema Teatro San Giuseppe di Brugherio ed il cinema-teatro Agorà di Cernusco sul Naviglio (il mio paese).


Oggi più che mai spaziamo tra vari generi, dal teen drama alla guerra, dalla tragedia psicologica alla commedia. Ho apprezzato queste pellicole così intense e particolari. Spero di incuriosirvi!



AVERE 17 ANNI E COME USCIRNE VIVI, di Kelly Fremon



Nadine (Hailee Steinfeld) è una diciassettenne piena di problemi. Si sente esclusa dai suoi coetanei, non ama andare a scuola, ha perso l’amatissimo padre e si ritrova a convivere con una madre depressa e fragile ed un fratello maggiore che sembra avere sempre successo con tutto e tutti.

L’unico conforto di Nadine è Krista, la sua migliore amica. Quando, però, quest’ultima inizia una relazione proprio con suo fratello, la nostra protagonista sembra perdere tutti i punti di riferimento: ella, infatti, si sente una volta di più messa da parte e rifiutata, e tronca i suoi rapporti con entrambi.

Le verranno incontro due persone: la prima è il suo professore di storia, dall’apparenza cinica e dall’animo sensibile; la seconda è un riservato ed ironico compagno di classe, appassionato di cinema e di fumetti, al quale ella non ha mai dedicato la minima attenzione.


Questo film racconta senza filtri il lato più brutto dell’adolescenza: Nadine, infatti, è sempre arrabbiata, ha poca stima di se stessa e finisce per risultare antipatica a tutti. Il suo percorso di crescita è quello che, forse, ognuno di noi ha affrontato nella sua vita. Personalmente concordo con la regista: i 17 anni sono in assoluto l’annata più complicata.

La pellicola risulta gradevole, anche se purtroppo viziata da qualche cliché di troppo sulla scuola americana e sulle dinamiche amorose tra adolescenti.


Valutazione: tre stelle e mezza



ROSSO ISTANBUL, di Ferzan Ozpetek



Il protagonista di questa complessa ed interessante pellicola è Orhan Sahin, un tempo scrittore turco ed ora impiegato di una casa editrice in una sorta di “esilio forzato” a Londra. Dopo un ventennio, egli torna a Instanbul per fare da editor a Deniz, un capriccioso ed umorale regista.

Dopo una notte che i due hanno passato a bere ed a ricordare (non sempre con allegria) il passato, Deniz scompare misteriosamente.
Sahin è costretto a rimanere in Turchia più del previsto, a causa della sua iscrizione al registro degli indagati.

Egli inizialmente soffre per questo suo soggiorno forzato; in seguito, però, grazie anche al supporto di Neval, la migliore amica di Deniz, egli inizia ad entrare nel mondo del regista scomparso, a comprenderne i sogni e le paure.

È così che, a poco a poco, Sahin ritrova se stesso e viene a patti con un passato che lo tormenta da anni.


I film di Ozpetek non sono mai semplici da comprendere. In questo, la narrazione è spesso interrotta da scene oniriche, ricordi, momenti di riflessione. I personaggi rappresentati non sono mai quello che sembrano e richiedono tempo ed attenzione per essere compresi. Il regista, però, riesce incredibilmente a tenere il filo della narrazione e ad emozionare lo spettatore.


Valutazione: cinque stelle



UN TIRCHIO QUASI PERFETTO, di Fred Cavayé



Dany Boon, figura portante della comicità francese, diventa qui François Gautier, un insegnante di violino solitario, scorbutico e soprattutto incredibilmente avaro.
A causa della sua terribile tendenza a risparmiare viene maltrattato dai vicini, deriso dai colleghi, isolato da chiunque.

Un giorno, però, nella vita di François entrano due donne che lo costringono a rivedere radicalmente il suo stile di vita.
La prima è la nuova insegnante di violoncello, simpatica ed affascinante, con la quale sembra nascere un sentimento.
La seconda è Laura, una ragazza che afferma di essere sua figlia e della quale egli ha sempre ignorato l’esistenza.

Per il nostro protagonista il dilemma è reale: come riuscire a risparmiare, tra un ristorante chic da pagare ed un’adolescente per casa?


Nell’ultimo periodo, ben pochi film mi hanno fatto ridere quanto questo. Dany Boon si conferma un attore divertentissimo, ed il suo personaggio, una sorta di “Paperon De’ Paperoni” moderno, è sinceramente buffo. Egli, com’è ovvio, riuscirà (più o meno) a redimersi, ma solo dopo tante, tante risate degli spettatori.


Valutazione: quattro stelle



DUNKIRK, di Christopher Nolan



In piena II Guerra Mondiale, un numeroso gruppo di soldati e di ufficiali della Marina britannica si trova bloccato sulla spiaggia di Dunkirk ed accerchiato dai tedeschi.

Sul molo, in una settimana, alcuni giovanissimi militari cercano di fuggire con le navi che sono state loro assegnate, ma subiscono ogni volta un bombardamento da parte del nemico.

Sul mare, in un giorno, alcune piccole imbarcazioni di civili vanno a recuperare i soldati, tentando un’impresa di salvataggio davvero disperata.

In cielo, per una sola ora, gli ultimi aviatori inglesi rimasti difendono coraggiosamente terra e mare dai continui attacchi del fronte tedesco.


I tre piani temporali miracolosamente riescono a convergere in questo film di guerra che riesce a mantenere alta tensione ed attenzione. È un film corale, che celebra un episodio cardinale per la recente storia britannica.
È anche una dimostrazione di come coraggio e solidarietà riescano sempre e comunque a prevalere, nonostante la paura, l’odio e la disperata lotta per la sopravvivenza.


Valutazione: quattro stelle




Oggi ci sono davvero pellicole per tutti i gusti!
Le conoscete? Ne avete sentito parlare? Vi sono piaciute?
Fatemi sapere!
Grazie per la lettura, al prossimo post :-)


10 commenti :

  1. Ciao 👋 ho sentito parlare di Dunkirk di Christopher Nolan, ma non amo i film di guerra, credo che non lo guarderò. Avere 17 e come uscirne vivi non lo conoscevo, se lo danno in tv lo guarderò. 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! Anche io non amo molto i film di guerra ma questo è così ricco di azione e di tensione che davvero non ti annoi mai!!

      Elimina
  2. Dunkirk l'avevo visto al cinema e mi era molto piaciuto - d'altronde poi Nolan è uno dei miei registi preferiti.
    Avere 17 anni e come uscirne vivi è invece sulla mia lista di recuperi da un paio di mesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Se lo vedi, fammi sapere che cosa ne pensi! L'attore che fa il prof è lo stesso che interpreta Haymitch negli Hunger Games e fa troppo ridere :-)

      Elimina
  3. Ciao silvia, di questi film ho visto soltanto quello di ozpetek...
    io sono una fan di questo regista, ho amato l'ironia e la leggerezza di film come Mine vaganti o Le fate ignoranti, e mi piace pure come scrittore; ho letto ad es. anche Rosso istanbul e il suo stile profondo mi aveva conquistata, però confesso che il film non mi ha convinta molto...., l'ho trovato troppo lento e mi ha emozionata poco... :/
    Anche sull'ultimo, Napoli velata, non sto leggendo tecensioni molto positive :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Non ho letto il libro dal quale è stato tratto Rosso Istanbul... rimedierò!

      Elimina
  4. mi ispira "un tirchio quasi perfetto"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa! Io mi sono divertita davvero tanto!

      Elimina
  5. Al momento solo il primo è più vicino alla visione, dato che già c'è su Sky, ma le aspettative sono alquanto basse ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro! Io tutto sommato l'ho trovato simpatico...prova a dare un'occhiata!

      Elimina