martedì 16 giugno 2015

MOSTRA DI LEONARDO DA VINCI

Perché andarla a visitare?

 

 

Cari lettori,
qualche giorno fa sono dovuta andare, esattamente a metà giornata, dall'altra parte di Milano, per firmare contratti ed altre carte nell'ultima scuola dove ho lavorato quest'anno.

Per chi se lo stesse chiedendo:

No, non mi hanno voluto mandare i documenti via mail.

No, non ho potuto fare questa traversata dell'hinterland quando potevo e volevo.

Sì, ho dovuto aspettare gli orari di ricevimento come una poveretta qualunque, anche se ho lavorato lì.

Sì, l'orario di ricevimento era proprio all'ora di pranzo.

Sì, mi hanno fatto comunque ed ulteriormente aspettare.

Sì, ho firmato tanta tanta carta inutile di cui a nessuno fregherà mai nulla. (Poveri alberi!)

Visto che però nessuno se lo sta chiedendo, e, inoltre, moltissimi di voi conosceranno già bene i problemi della burocrazia, passiamo oltre.

Andando verso il centro, spinta dalla necessità di mangiare qualcosa, mi è venuta un'altra idea. “Perché non controllo quali mostre ci sono a Palazzo Reale e non ci faccio un salto?”

Così, da brava non-più-studentessa, ho festeggiato il mio metaforico “ultimo giorno di scuola” con una bella mostra di Leonardo da Vinci. Tutto quello che vi posso dire è che ne sono uscita strabiliata e che vale assolutamente la pena di andare. Perché?






- Innanzitutto, perché purtroppo il tempo a vostra disposizione è tutt'altro che infinito. La mostra, che ha aperto i suoi battenti ad aprile, chiuderà il 19 luglio. Siamo già a metà giugno. È proprio il caso di trovarsi una mezza giornata libera, non vi pare?


- L'opportunità di passare una classica sera estiva a contatto con Leonardo da Vinci è decisamente troppo allettante. Io ho colto un'opportunità e sono andata a visitare la mostra quando potevo, cioè alle tre del pomeriggio; tuttavia, se avete più tempo a disposizione e siete delle anime più romantiche, da giovedì a domenica la mostra rimane aperta addirittura fino a mezzanotte.


- Il prezzo è del tutto vantaggioso, considerato quello che vedrete. Ho sentito spesso persone lamentarsi dei biglietti delle Mostre a Palazzo Reale, dicendo che continuano ad aumentare. Purtroppo concordo che, di questi tempi, qualsiasi cosa sembra essersi inflazionata. È anche vero, però, che se spendiamo 15 euro o più per mangiare una pizza al ristorante, 10 euro al cinema solo perché è sabato sera e magari vogliamo anche i popcorn e 200 euro di meccanico quando foriamo una gomma e ce ne devono cambiare due (ahimé), 12 euro per stare a contatto due ore con le opere di Leonardo non ci sembrano più così assurdi, no?





- Collegato a questo, è necessario inoltre dire che è possibile avere un biglietto a 10 euro in più casi. Sono sicura che si possa avere la riduzione per gli under 26 (cosa della quale potrò approfittare ancora per poco più di tre mesi e poi basta, sigh.) Ricordo bene, però, di aver potuto avere un biglietto ridotto, in passato, tirando fuori il badge dell'Università. Studenti, fatevi avanti!


- La mostra è davvero grande. Non è un'esposizione da un'oretta, famosa più per il nome ed il prestigio dell'autore che per l'effettivo contenuto. Ci vogliono due ore buone per girarla con attenzione (tempo che aumenta se vi avvalete di una guida). Non è, dunque, una mostra “cattura-turisti”, ma è di grande valore.


- L'esposizione è suddivisa in dodici sezioni molto ben pensate. Le prime sei sono molto grandi e divise in sottosezioni, cosa che vi darà l'impressione di dover restare dentro la mostra tutto il giorno; tuttavia, le altre sei scorreranno molto più velocemente, facendovi tirare un sospiro di sollievo. Scherzi a parte, i temi di ogni sezione sono definiti in modo preciso, scelta che senz'altro vi aiuterà ad orientarvi.





- Ci sono ben 38 (non due, non cinque, neanche dieci, trentotto!) fogli del Codice Atlantico. Non so voi, ma per me è una grande emozione vedere quei fogli così enormi su cui Leonardo aveva disegnato con tanta precisione e scritto con quella sua scrittura al contrario. Sono una testimonianza del suo lavoro infaticabile e, senza dubbio, questo contribuisce a renderli più preziosi.


- Vi incuriosiscono le macchine futuristiche? Un paio di sezioni della mostra sono pieni di quelli che sono stati i sogni ed i progetti di Leonardo in tal senso. Troverete marchingegni volanti, strumenti per respirare sott'acqua, strani congegni agricoli. Impossibile reprimere una risata di fronte al disegno di un sommozzatore che tiene in bocca quella che sembra una pompa per gonfiare i materassini in spiaggia. Poi, però, ci si ricorda che si tratta di idee concepite tra il 1400 ed il 1500, e si smette di ridere.


- Siete dei classicisti impenitenti (come la sottoscritta)? Troverete pane per i vostri denti. Non saranno solo quadri e disegni dedicati ad Ercole ed a Leda ad entusiasmarvi. C'è anche una vera chicca: un codice di Tolomeo. Affrettatevi!






- Siete studenti di Medicina che devono preparare l'esame di Anatomia? I fogli con gli studi di Leonardo sul corpo umano sono il miglior ripasso possibile… e sono disegnati meglio di molti manuali odierni!


- Quanti di voi, nella loro vita, andranno a trovare la Regina Elisabetta a casa sua? Non so voi, ma io non ho in programma un té a Buckingham Palace, per il momento. Questa mostra ci dà un'opportunità irripetibile: espone, infatti, molti disegni che normalmente non sono al British Museum, ma sono “prestati da sua Maestà Elisabetta II” (testuali parole). Difficile che ci capiti di rivedere quelle opere, non vi pare?


- Last but not least: Leonardo è il più grande di tutti. Personalmente, il mio pittore preferito è Van Gogh, farei una fila infinita per Botticelli e mi appassionano le opere più curiose dell'arte contemporanea, ma perfino io, davanti ad una simile mostra, mi vedo costretta ad ammettere che si esce con la sensazione che Leonardo sia il miglior artista di sempre. Se non siete convinti, ripeto: ANDATE A VEDERE LA MOSTRA! (E portatevi un golfino per l'aria condizionata assassina.)





Sarei curiosissima di sentire il parere di altri visitatori della mostra ed appassionati di arte, quindi, come sempre, sentitevi liberi di lasciare un commento.

Grazie infinite a tutti coloro che hanno letto.
Al prossimo post :-)

Nessun commento :

Posta un commento