giovedì 10 maggio 2018

CHE FATICA ESSERE MAMMA

Romanzi per tutti i gusti sulla maternità




Cari lettori,
per la rubrica “Letture...a tema”, oggi ci concentriamo su alcuni romanzi che affrontano un tema spesso quotidiano, ma, al contempo, delicato: essere madri.


So che tra i miei lettori fissi ci sono anche alcune mamme, alle quali vanno i miei più sinceri complimenti, perché gestire un blog o trovare anche solo il tempo di seguirne altri quando ci sono lavoro e famiglia da conciliare non è sicuramente semplice.

Con questo post voglio anche fare gli auguri a tutte le mamme del mondo, in vista della festa di domenica 13!

I romanzi che vi propongo sono svariati: alcune storie sono più spassose, altre nettamente più drammatiche. Sta a voi scegliere quale preferiate…!



UN REGALO PER SEMPRE, di Melissa Hill



Jess è una brava professionista, con una bella casa a Dublino ed un marito che lei ama definire “il suo migliore amico”. La loro vita è splendida e ricca di agi, ma ella inizia a sentirsi tagliata fuori dal gruppo delle sue amiche perché queste ultime, dopo aver avuto un bambino, hanno iniziato ad escluderla ed a frequentare solamente altre madri.
Nina ha appena scoperto che il suo “fidanzato” è in realtà sposato e con figli da anni: dopo avergli detto addio, però, scopre di essere incinta.

Ruth, infine, attrice di Los Angeles originaria dell’Irlanda, si scopre incinta dopo aver trascorso una notte della quale non ricorda quasi nulla, se non il fatto che era insieme ad un collega.

Le tre protagoniste si incontrano, si conoscono e diventano amiche a Lakeview, una pacifica cittadina della provincia irlandese. L’amicizia consentirà alle tre donne, che si sentono di fatto delle emarginate, di affrontare le loro difficoltà, ma la loro curiosità riporterà a galla anche un mistero su un neonato abbandonato in una caffetteria di Lakeview molto tempo prima.


Melissa Hill, come ho già detto qui, è una delle mie autrici di romanzi rosa preferite.
In questo libro, ella affronta il tema della gravidanza con molta schiettezza, analizzando ogni possibile sfumatura di questa esperienza, dal desiderio alla paura di non essere all’altezza, passando per la preoccupazione, fino ad arrivare al desiderio di conoscere meglio le proprie radici prima di diventare genitori.
Un romanzo prezioso per le amanti di questa autrice.



LE ALI DELLA VITA, di Vanessa Diffenbaugh



La vita di Letty è stata difficile: ella ha cambiato lavori, case, uomini. È così che, ancora molto giovane, si ritrova ad essere madre single di due figli: l’adolescente Alex e la piccola Luna.
I suoi punti di riferimento sono sempre stati i genitori Maria Elena ed Enrique, di origine messicana: essi l’hanno sostenuta mentre passava da un lavoro precario ad un altro e cercava di vincere la sua dipendenza dall’alcool.

Una notte, però, ella scopre che i suoi genitori, senza dirle nulla, sono partiti per sempre, per poter trascorrere la loro vecchiaia nel paese d’origine. Presa dal panico, Letty prende la macchina e va in Messico a cercarli, abbandonando i suoi figli.

Alex, quando scopre che sua madre li ha abbandonati, non si perde d’animo: non solo si occupa di Luna, ma escogita un piano per far tornare a casa Letty.

Nonno Enrique ha infatti lasciato in eredità al nipote moltissime piume colorate, con le quali era solito creare dei quadri; il ragazzo, però, appassionato di scienza, ha un’altra idea per far fruttare quel dono…


I personaggi di Vanessa Diffenbaugh non sono mai facili da comprendere, né tantomeno da descrivere in poche righe. In questo caso, ella ci presenta Letty, una madre distratta, fragile e spesso infantile, che però, grazie alla maturità del suo stesso figlio, pagina dopo pagina comprende pienamente il vero significato di essere una famiglia.



BUONANOTTE BABY, di Jennifer Weiner



A venticinque anni, Kate Klein ha conosciuto Ben, consulente politico, se n’è innamorata e l’ha sposato, abbandonando la metropoli per la cittadina di Upchurch, nel Connecticut.
Sette anni dopo, Kate non ne può più. Le mancano New York, il suo lavoro da giornalista, i vecchi amici. La vita di casalinga con tre bambini piccoli le va stretta ogni giorno di più, soprattutto nel momento in cui confronta se stessa con le altre “madri a tempo pieno”, sempre eleganti, felici e ben organizzate.

Un giorno, però, una tragedia sconvolge Upchurch: Kitty Cavanaugh, una delle super-mamme del suo quartiere, viene trovata cadavere, pugnalata nella schiena. L’episodio risveglia il senso investigativo di Kate, che per troppo tempo non ha lavorato ad un’inchiesta, e la porta a improvvisarsi detective.

La nostra protagonista scoprirà che la sua cittadina non è poi così pacifica come pensava, e che, tra gli abitanti, ci sono rivalità ed odi mai sopiti.


Jennifer Weiner è un’autrice senza peli sulla lingua nel raccontare ogni dettaglio amoroso e sessuale della vita dei suoi personaggi.

Un altro aspetto che caratterizza i suoi romanzi è la sperimentazione: ha pubblicato commedie, storie drammatiche, perfino una raccolta di racconti. Questa volta è il turno di un romanzo che sembra rosa ma, in definitiva, si rivela un giallo in piena regola.

Una gradita sorpresa anche per chi conosce già l’autrice.



A SPASSO CON JENNIFER, di Amy Scheibe



Jennifer Bradley ha avuto un’adolescenza ed una prima giovinezza da sogno: è stata reginetta di tutti i balli del liceo, ha avuto moltissimi ammiratori, ha partecipato a feste esclusive ed a tutte le occasioni mondane della sua città.

Dopo un matrimonio (molto sfarzoso) con Thom, però, ella si è ritrovata a casa, a fare la madre a tempo pieno di Georgia, quattro anni, e Max, tredici mesi. L’idea di abbandonare la sua carriera per dedicarsi alla famiglia le era sembrata inizialmente buona, ma ora Jennifer non fa altro che giocare, preparare pappe e pulire i suoi bambini tutto il giorno ed inizia a sentirsi poco realizzata.

Inoltre, tutt’a un tratto la nostra protagonista viene letteralmente investita da un mare di imprevisti: Thom accetta un lavoro che lo porterà per un lungo periodo di tempo a Singapore; la suocera è sempre meno disponibile ad aiutarla con i bambini; un ex fidanzato che lei non ha mai dimenticato si fa risentire a sorpresa e la invita a cena; infine, dopo anni di fermo, arriva un’inaspettata proposta di lavoro.


Questo romanzo di Amy Scheibe fa ridere e riflettere allo stesso tempo.
Il lettore trova buffa Jennifer che, dopo una vita da principessina, si ritrova a gestire delle situazioni forse più grandi di lei, ma comprende anche i suoi dubbi e le sue paure da giovane mamma.
Un chick lit disimpegnato ma non troppo.



MA COME FA A FAR TUTTO?, di Allison Pearson



Kate Reddy è una mamma lavoratrice. E no, non ha un part-time, non lavora da casa, non è nemmeno un’impiegata con orari fissi ed affidabili. È infatti parte di una società finanziaria all’interno della quale ricopre un ruolo di spicco: la sua posizione comporta straordinari, imprevisti, persino trasferte.

Come conciliare tutto questo con Richard (il suo tranquillo ma un po’ noioso marito), due figli desiderosi di attenzioni ed una serie di variabili assolutamente imprevedibili? Kate si ritrova a contare ogni singolo minuto con apprensione e ad affrontare ogni giornata come una battaglia campale. La sua organizzazione è encomiabile, ma anche per lei giunge il momento di mettersi alla prova…


Il romanzo di Allison Pearson mette in luce la quotidianità tragicomica di una donna che, non volendo giustamente rinunciare a nulla di quello che la vita può offrirle, cerca di gestire tutto al meglio che può.
L’autrice fa la scelta intelligente di non dare un giudizio di valore al suo personaggio, bensì di mostrare al lettore che si può, sì, imparare a fare tutto, ma è anche necessario riservare del tempo per se stessi, dare fiducia agli altri delegando qualcosa e non colpevolizzarsi se a volte qualcosa non va in porto.




Conoscete questi romanzi? Avete letto altri libri di queste autrici?
Avete altre storie a tema “maternità” da consigliarmi?
Grazie per la lettura...e, ancora una volta, auguri alle mamme! Al prossimo post

12 commenti :

  1. Ciao! Presente... mamma, blogger, lavoratrice e chi più ne ha più ne metta. Consiglio la lettura del libro Le mamme ribelli non hanno paura di Giada Sundas. Ideale per le mamme, ma anche per le suocere, le amiche, i papà... insomma per tutti! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Non conosco il romanzo che hai citato, grazie per la segnalazione! :-)

      Elimina
  2. Ciao Silvia, dei libri che hai citato ho letto solo il primo, ma anche gli altri sembrano delle belle letture! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Conoscendoti, credo che "A spasso con Jennifer" ti piacerebbe :-)

      Elimina
  3. Cara Silvia, leggendo il tuo post è chiaro che sei una mamma, io le mamme le rispetto tutte, anzi anche domani parto e ritorno lunedì, nel post che oggi ho fatto mi sono ricordato e ho fatto gli auguri alle mamme in anticipo!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, ho visto il tuo post :-)
      In realtà, anche se ho scritto questo "speciale", non ho figli. Sono "mamma" solo del bassotto Otto, se vuoi metterla così :-)

      Elimina
  4. Ciao Silvia! Ottimo post di cui io ho letto Le ali della vita. In effetti ce ne sono tanti di bei libri per le mamme e questo è il momento migliore per pensarci visto l'imminente giorno di festa a loro dedicato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! "Le ali della vita" è una storia molto particolare, io sono rimasta colpita :-)

      Elimina
  5. Grazie Silvia per questa variegata carrellata di letture a tema. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa, spero di averti dato qualche spunto di lettura! :-)

      Elimina
  6. che bello questo post, me l'ero perso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Sono contenta che ti piaccia :-)

      Elimina