giovedì 28 marzo 2019

I PREFERITI DI MARZO 2019





Cari lettori,
marzo è giunto al termine e, come ogni mese, sono qui a riepilogare i miei preferiti del periodo, dai libri ai film, dalla musica alla poesia.
Spero che apprezzerete le mie scelte!



Il libro del mese



Gli ultimi passi del sindacone è uno degli ultimi romanzi di Andrea Vitali e, come tutte le sue opere, è ambientato a Bellano, luogo di nascita dell’autore.

La Seconda Guerra Mondiale è finita da pochi anni e la cittadina vive finalmente in pace, grazie anche alla guida del sindaco, anzi, del Sindacone. 
Questo è il soprannome che già da tempo è stato affibbiato ad Attilio Fumagalli, un uomo la cui unica particolarità è quella di essere piuttosto basso e decisamente obeso. Per il resto, egli è il più ordinario degli uomini: è sposato da una vita con Ubalda, una donna ormai quasi del tutto sorda; non ha figli; ha esercitato per una vita la professione di ragioniere; non si è occupato di politica durante gli anni del fascismo e della guerra ed è entrato da poco in Democrazia Cristiana per sostituire una persona, finendo per diventare, suo malgrado, il leader locale.

Da qualche mese, però, la quieta amministrazione del Sindacone è diventata sempre più sospetta: egli, infatti, ha iniziato ad indire consigli comunali sempre più frequentemente, convocando la giunta per ogni più piccola questione. 

A nulla valgono le richieste degli assessori, che di giorno fanno altri lavori (dal pizzicagnolo alla maestra, dall’impresario edile al ricco nullafacente), di concentrare tutti i problemi in poche ma fruttuose riunioni.

In effetti il Sindacone ha un segreto, che custodisce gelosamente con l’aiuto del giovane vicesindaco Veniero Gattei. 

Segreto che, però, rischia di venire allo scoperto nel corso della notte di Natale, quando egli ha la malaugurata idea di indire un’altra brevissima giunta comunale “per lo scambio degli auguri”. La riunione non sarà che l’inizio di una notte davvero folle, fatta di equivoci, spostamenti al chiaro di luna, incidenti, imprevisti…


Avendo assistito a più di una presentazione di Andrea Vitali, so che il progetto di trasformare i suoi romanzi in film o fiction è stato momentaneamente scartato, perché i suoi libri non sono propriamente gialli, ma riguardano sempre piccoli segreti o misteri di paese, che quasi mai, però, sfociano nel delitto. 
Tuttavia, io trovo che Gli ultimi passi del Sindacone, ricco di scenette davvero esilaranti, sarebbe una perfetta commedia teatrale degli equivoci. 
Se non ci fosse questa possibilità, ci consoleremo ridendo durante la lettura del romanzo!



Il film del mese



Mia ha dieci anni e, insieme ai genitori ed al fratello maggiore, che soffre di disturbi d’ansia e di panico, ha sempre vissuto in Inghilterra, anche se suo padre è sudafricano e sua madre francese. Quando però viene a mancare il nonno paterno, i suoi genitori decidono di tornare in Sudafrica per rilevare e gestire l’allevamento di leoni di famiglia. 


I primi mesi in Africa sono davvero difficili per Mia. Ella, infatti, ha nostalgia dei suoi amici inglesi e non si sente per niente attratta dalla natura del luogo.

La mattina di Natale, però, qualcosa sembra cambiare: una delle leonesse, infatti, mette al mondo un leone bianco, evento molto raro. 
Il fratello di Mia decide di crescere il cucciolo in casa, di chiamarlo Charlie e di allattarlo personalmente, ma lui sembra preferire la scontrosa ragazzina. Quest’ultima all’inizio evita l’animale, ma poi, a poco a poco, si lascia conquistare.

Più Charlie cresce ed inizia ad assomigliare ad un leone adulto, più il rapporto tra i due si fa stretto, e Mia si rifiuta di considerarlo un animale selvatico. 
Ciò la porta inevitabilmente a scontrarsi con i suoi genitori, soprattutto con il padre, che purtroppo ha anche preoccupazioni di altro genere. Il nonno paterno, infatti, ha lasciato alla famiglia solo debiti: l’allevamento rischia di chiudere e l’unica via per tirare avanti sembra quella di vendere i leoni a persone ben poco raccomandabili e tutt’altro che animaliste.

Mia, però, che ricorda le favole che le raccontava la madre da piccola, crede fermamente che Charlie, da buon leone bianco, sia giunto tra di loro per salvarli, e farà il possibile per non perdere il suo amico.


Mia e il leone bianco è la classica commedia per ragazzi e famiglie che pone al centro della scena l’amicizia tra i bambini e gli animali. 
L’ambientazione sudafricana, però, dà la possibilità anche ad un pubblico adulto di riflettere su alcuni importanti temi sociali, dalle conseguenze di decenni di apartheid alle specie in via d’estinzione, dalle riserve nelle quali sono confinate le tribù native sudafricane alla terribile pratica del “canned hunting” (la caccia in gabbia).

Sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo film, che consiglio di cuore, soprattutto a chi ama gli animali.



La musica del mese



Dopo due mesi dedicati al pop internazionale ed al country al femminile, con Jess Glynne e Kacey Musgraves, oggi vi consiglio un po’ di musica italiana.


Immagino che molti di voi conoscano i Tiromancino, magari anche meglio di me. 
Io, in effetti, non posso propriamente definirmi una loro fan, perché conosco solo i loro brani più famosi. Tuttavia, ascoltando i loro ultimi singoli in radio, sono rimasta davvero colpita dai testi di alcune loro canzoni, che mi sono sembrati quasi delle poesie. 


Un brano che mi piace molto è Se noi casomai, che racconta una storia d’amore che sembra governata dal destino ma poi si rivela frutto di una scelta:

Io credo che il segreto sia
respirare mentre tutto va come deve andare
troppe parole non servono a niente
ma un’esplosione nel cuore cura la mente
perché un abbraccio è come guardarsi dentro
perché pelle su pelle io mi perdo
e andare via da noi vuol dire strapparsi
guardare i nostri pezzi sparsi tra i passi
chissà, chissà se noi casomai
ci riconosceremo anche più in là
chissà, chissà come sarà, trovarsi non è mai per caso
per questo, amore, non ti farò andar via


Più adatto alla stagione primaverile e, perché no, a quella estiva, è Sale, amore e vento, del quale mi piacciono molto anche gli arrangiamenti:

Tu che hai dato al vento il tuo profumo
e alle stelle hai dato gli occhi tuoi
sei nell’aria fresca del mattino
e senza te mi perderei…
Vedo la tua isola da qui
e potrei venire a cercarti
ma c’è troppo mare tra di noi
anche se per te lo affronterei
sei inevitabile per me
l’unica alba possibile
sei sale, amore e vento su di me…


Tra le canzoni più vecchie, infine, vi consiglio Tra di noi, che è accompagnato da un simpatico video d’animazione ambientato nel mondo marino:

Almeno tu lo sai che mi cammini accanto
In ogni momento anche se sono stanco
Mi sostieni piano...sento nel vento la tua mano
Tra di noi non ci sono più ingannevoli parole
ma il mormorio degli anni
come onde che si infrangono nel sole
tra di noi c’è l’istinto di dividere il presente
e un mare di ricordi che al correre del tempo non si arrende
e il cuore mio si perde...



La poesia del mese



Per il mese di marzo, caratterizzato dal cambio di stagione e dall’arrivo della primavera, ho scelto un componimento del poeta Camillo Sbarbaro, un autore che mi piacerebbe conoscere di più. La poesia si intitola Un bambino veniva avanti traballando ed è di grande delicatezza.


Un bambino veniva avanti traballando
sulle gambine discoste e
cogliendo ad ogni passo un po’ di fango
come un fiore.
Non s’accorse della mia carezza.
Aveva gli occhi pieni di sì chiaro stupore che, dopo,
credevo d’aver
accarezzato una margherita.



Le foto del mese



Il weekend del 9 e 10 marzo, in occasione del Carnevale ambrosiano (che è in ritardo di qualche giorno rispetto a quello del resto d’Italia), sono scesa per un po’ nella casetta di famiglia di Varazze. In tre giorni scarsi ci sono stati tutti i climi del mondo: sole, pioggia, nuvole, vento…questo scatto cattura il momento più bello (ovviamente un paio d’ore prima del treno di ritorno).




Che San Giuseppe sarebbe senza le zeppole? In foto, ecco due specialità della pasticceria del mio quartiere. A destra c’è la versione classica, con crema ed amarena, sempre ottima. A sinistra una rivisitazione con crema al cioccolato e panna montata, una vera sorpresa!




Marzo...tempo di fioriture! Ho fatto molte fotografie in questi giorni, ma forse la più bella è questa che ritrae una magnolia coperta di fiori rosa. 




In chiusura del mese, la sera di martedì 26 sono andata all'Auditorium della BCC di Carugate per partecipare ad un incontro con lo scrittore Maurizio De Giovanni, autore di saghe come quella del Commissario Ricciardi e dei Bastardi di Pizzofalcone, delle quali vi ho parlato più volte. 
Alla fine dell'incontro, c'è stato il firmacopie!




Fatemi sapere com’è stato il vostro marzo!
Avete libri, film, canzoni da consigliarmi?
È stato un mese impegnativo o più rilassante di altri?
Ditemi la vostra!
Grazie per la lettura, ci rileggiamo in aprile :-)

22 commenti :

  1. Ciao! Come musica ti consiglio assolutamente Elya Zambolin, un giovane cantautore emergente incredibile!

    Ascolta il suo cd non te ne pentirai!
    https://open.spotify.com/album/3fV1cXX4uikKVgweRvu1x7

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marty e benvenuta! Grazie mille per il consiglio... lo ascolterò!

      Elimina
  2. Non amo particolarmente gli animali, ma il film che hai recensito mi incuriosisce ed intenerisce un sacco.
    Credo che mi piacerebbe.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia! Io l'ho trovato davvero un bel film. Buona giornata anche a te!

      Elimina
  3. Vitali è un autore che mi piace e questo, che non ho letto, mi incuriosisce. La poesia è pura... poesia. La foto è splendida.
    Marzo mi ha portato novità e lavori da fare che sono ancora in corso, lo saranno per i prossimi due mesi.
    Ho riletto Aut-Aut di Kierkegaard e ho letto Tu sei prezioso ai miei occhi di Monari.
    :)
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa! Ti auguro buona fortuna per i lavori che stai svolgendo e che ti porterai in aprile. Non conosco i romanzi che hai letto! Buon weekend :-)

      Elimina
  4. Vorrei vedere Mia e il leone bianco... ma sono sicura che mi farà piangere tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia! Ammetto che un pochino di commozione c'è...ma c'è anche di molto peggio, dai!

      Elimina
  5. Ciao Silvia, ho letto solo un romanzo di Vitali, che però avevo apprezzato solo in parte... magari più avanti proverò a leggere altro di suo! Il film non lo conosco, ma dalla trama penso potrebbe piacermi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! So che non sei proprio entusiasta dello stile di Vitali, spero che prima o poi riuscirai a dargli un'altra opportunità ed a leggere qualcos'altro! Il libro potrebbe piacerti :-)

      Elimina
  6. Bellissime le foto, anch'io mi sono goduta le giornate di sole come ho potuto, fino a quando non mi sono beccata un brutto mal di gola.
    E che dire delle zeppole? Le mangerei tutto l'anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ti auguro una buona guarigione :-)
      Guarda, per me è un vero peccato che le zeppole ci siano solo due settimane all'anno… cerco di mangiarne il più possibile in quel periodo!

      Elimina
  7. Anche io sono solo a quota uno con vitali, e non posso dire che mi avesse folgorata..., magari riproverò!
    De Giovanni.. Ho letto Le parole di sara e sicuramente leggerò altro di suo :)
    Bella la foto della magnolia.
    E le zeppole... buonissime :-)
    Io nel mese di marzo ho visto (anche) A star is born e sono ancora in fase "lady gaga/bradley cooper", per cui non faccio che riascoltare le canzoni del film :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! Martedì De Giovanni ha presentato proprio "Le parole di Sara", che però è uno dei pochissimi che mi manca, visto che è anche uscito da poco.
      A star is born, ahimè, mi manca… recupererò!

      Elimina
  8. Raccontami qualcosa di più su Di Giovanni...sono curioso, come è stato l'incontro?
    La zeppola mi piace più nella versione non tradizionale XD.
    Il mio marzo? E' volato...ad aprile arriva una novità lavorativa, una nuova collega XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo! L'incontro è stato incentrato principalmente sul suo ultimo romanzo, il secondo della serie di Sara. Poi lui ci ha anticipato che entro l'anno uscirà l'ultimo libro di Ricciardi e che è in lavorazione una fiction, ed ha risposto ad altre domande sui suoi libri. Infine ci ha letto un racconto inedito ispirato al terremoto di Napoli dell'80. In bocca al lupo per le tue novità lavorative!

      Elimina
  9. Ne vedo tanti film uomini (bambini) e animali, e questo non mancherà ;)
    E sulle zeppole niente da dire, gnam :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro! Sul film aspetterò il tuo parere come sempre, e per quanto riguarda le zeppole...peccato che si mangino solo in un certo periodo!

      Elimina
  10. "Mia e il leone bianco" lo voglio recuperare assolutamente!😊 Buona la zeppola con cioccolato e panna montata!😋 Anch'io ho raccontato il mio mese di marzo sul blog. Buona domenica Silvia!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! Andrò sicuramente a vedere il tuo recap. Buona settimana!

      Elimina
  11. amo molto i tuoi post di riepilogo mensili, in questo poi le foto mi piacciono veramente molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Contentissima che il post ti piaccia!

      Elimina