mercoledì 28 febbraio 2018

I PREFERITI DI FEBBRAIO 2018

Tutto quello che mi è piaciuto in questo mese





Cari lettori,
siamo a fine febbraio e, esattamente come un mese fa, ritorna l’appuntamento con i “preferiti del mese”. Ecco tutto quello che ho amato in febbraio!



Il libro del mese



L’avvocato Valentino Bruio è il protagonista di questo noir di Giancarlo De Cataldo, l’autore dell’ormai celebre Romanzo criminale.

Bruio è un uomo di mezza età piuttosto cinico e disilluso. Vive da solo, non ha molti amici, non è particolarmente stimato dai colleghi e di certo non ha fatto carriera. I suoi clienti sono sempre dei piccoli delinquenti finiti in guai più grossi di loro: persone povere, spesso extracomunitarie, con le quali la vita non è stata generosa.

Stufo di dover assistere l’ennesimo operaio di colore, che afferma di non avere più notizie da giorni del figlio di sei anni, egli lo manda via, chiedendogli di ritornare con qualche prova più concreta.
Quando però l’uomo viene trovato morto, egli si sente in dovere di indagare sia sulla sua fine che sulla scomparsa del bambino. Ben presto l’inchiesta lo porta a conoscere una ricca famiglia romana, presso la quale il suo “quasi cliente” ha lavorato a lungo.

Sarà assistito nell’operazione da un commissario ribelle e sui generis, inviso al resto della polizia almeno quanto lui lo è al resto della magistratura.


Nero come il cuore non è una novità editoriale, anzi. Tuttavia vale la pena di leggerlo proprio perché, pur essendo una storia che ha ormai qualche anno, è di un’attualità quasi sconcertante. È un romanzo a metà strada tra il giallo ed il thriller, scritto da un magistrato che sicuramente, nel corso della sua carriera, ha avuto a che fare con i terribili delitti che qui racconta.
Ho apprezzato molto anche lo stile del libro, davvero colto ed arguto.



Il film del mese



Stefano Accorsi è Riccardo, detto Rico. La sua vita lavorativa sembra, per molti versi, lo specchio dell’Italia degli ultimi anni: da trent’anni egli fa l’operaio in un salumificio, non ha mai visto un aumento di stipendio, ed ogni giorno che passa è sempre più preoccupato perché tagli e licenziamenti sono all’ordine del giorno.

Inoltre egli è in crisi con sua moglie Sara (Kasia Smutniak), che fa la parrucchiera e tutti i lunedì si prende del “tempo per sé” con un’amica, soprattutto perché esasperata dalle scappatelle del marito e tormentata dal rimpianto perché è riuscita ad avere un solo figlio.

Rico cerca di sfuggire ai problemi comportandosi talvolta come un adolescente troppo cresciuto, ed unendosi ad un suo amico, un pittore ricco di famiglia soprannominato “Carnevale”, in discutibili serate e scampagnate.


Saranno però i problemi a cercare Rico. Una serie di circostanze lo metterà nella condizione di dover guardare in faccia tutto ciò da cui tenta costantemente di scappare, e sarà proprio quando sembrerà aver perso tutto che capirà ciò che per lui è realmente importante.


Made in Italy non è un titolo pretenzioso. Il film è, almeno dal punto di vista lavorativo e sociale, uno specchio di tante, troppe situazioni del nostro Paese, tra fabbriche locali sempre più in crisi, cinquantenni che vengono lasciati a casa disoccupati a meno di dieci anni dalla pensione, giornalisti che utilizzano e “politicizzano” la voce del popolo, manifestazioni che sembrano violente e sono solo disperate.

Per quanto riguarda tematiche come l’amore e l’amicizia, ho il sospetto che Ligabue, per la terza volta regista, abbia inserito qualcosa di autobiografico, anche se non lo conosco abbastanza per poterne essere certa.
Resta comunque una pellicola davvero godibile, che mi ha sorpresa in positivo.



La musica del mese



Febbraio è il mese di San Valentino, quindi ho scelto due brani molto romantici di due cantanti italiani decisamente amati.


Il primo è il nuovo singolo di Laura Pausini, Non è detto, una struggente ballata accompagnata da un bel video musicale ambientato sul mare, in compagnia di Cristiano Caccamo (attore già visto nelle fiction Il paradiso delle signore e Don Matteo).

Laura Pausini ci ha già regalato tanti pezzi in cui l’amore è protagonista, ma personalmente sono rimasta colpita dalla poesia di alcuni versi di questa canzone.


E non è detto che mi manchi sempre
le cose cambiano improvvisamente
e certi angoli di buio non avranno luce mai
e non è detto che non provo niente
se tengo gli occhi sul tuo sguardo assente
perché mi fido della forza di un ricordo casomai




Il secondo è il brano sanremese di Max Gazzé, La leggenda di Cristalda e Pizzomunno. Questa originale canzone, per la quale il cantautore ha ricevuto la cittadinanza onoraria dal comune di Vieste, racconta una leggenda pugliese tanto romantica quanto triste.

La storia narra che Pizzomunno, un bellissimo pescatore, fosse segretamente desiderato dalle crudeli sirene della costa, che gli proposero di diventare loro re. Il ragazzo rifiutò perché fidanzato con Cristalda, una ragazza del paese. Le sirene, allora, folli di gelosia, attirarono la fanciulla in un tranello, la incatenarono e la trascinarono in mare. Il pescatore pianse così tanto che si pietrificò sulla riva del mare.

Ancora oggi è possibile ammirare a Vieste il “Pizzomunno”, un grande scoglio bianco collocato nell’acqua bassa, simbolo di amore eterno.


E così la gente lo ammira da allora,
gigante di bianco calcare che aspetta tuttora
il suo amore rapito e mai più tornato!
Ma io ti aspetterò...fosse anche per cent’anni, aspetterò!
Fosse anche per cent’anni…
Si dice che adesso, e non sia leggenda,
in un’alba d’agosto la bella Cristalda
risalga dall’onda a vivere ancora una storia stupenda.



La poesia del mese



Per il mese di febbraio, a metà strada tra l’inverno e la primavera, ho scelto questo componimento di David Maria Turoldo, La bellezza di quando, che parla di come spesso il maltempo spinga le persone a ricordare il passato e ad aspettare con rinnovata speranza una nuova stagione.


La bellezza di quando la pioggia
batte sul tetto del cascinale, e tu
in pace con l’universo:
a ricordare gli amici
e i tempi andati,
e le speranze e gli amori
che ornavano i davanzali!
Poi la gioia del tuono
a rischiarare i campi
e tutta la corona dei monti.



Le foto del mese



La foto non è mia, ma ho voluto lo stesso condividere un bell’aperitivo perché il mese è stato all’insegna dei ritrovi davanti ad uno Spritz.

Sabato 3 ho condiviso un drink con amiche del paese che mi ripromettevo di vedere da settimane, giovedì 8 ho (finalmente!) rivisto tante mie storiche amiche dell’Università e giovedì 22 ci siamo concessi una serata aperitivo&teatro in famiglia.




Iniziano a fiorire le prime piante in giardino...finalmente finirà l’inverno? Io trovo che i colori di questi giacinti siano meravigliosi!




Ecco il meglio del mio febbraio 2018! Che cosa è piaciuto a voi, invece?
Avete film, libri, canzoni da consigliare? Qualche ricordo da raccontare?
Grazie per la lettura...ci sentiamo a marzo con il prossimo post :-)

14 commenti :

  1. Cara Silvia, un post interessante, qui ricordi tutto febbraio, le cose belle.
    Ciao e buona giornata con il gelo una abbraccio e un sorriso.:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso! Eh sì...devo dire che ci sono un po' di cose belle da ricordare, fortunatamente :-)
      Buona giornata anche a te!

      Elimina
  2. Spritz, quanto ne vorrei uno adesso :D
    Comunque la Pausini non mi garba e il film sinceramente non mi convince, in ogni caso buon per te ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pietro! ...Vedrai che dopo qualche Spritz canterai anche qualche canzone della Pausini, ci scommetto :-)

      Elimina
  3. Io adorato la canzone di Max Gazze quella favola che bella...!! Triste ma bella, l'ho sentita e risentita più volte e poi mi sono andata anche a sbirciare la storia su google perchè quando si tratta di favole, di miti non posso resistere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy! Siamo in due...anche io mi sono messa a cercare su Google la storia di Cristalda e Pizzomunno! Devo dire che, in foto, quella spiaggia di Vieste sembra veramente bella :-)

      Elimina
  4. La canzone di Gazzè è molto bella 😊 non conoscevo la leggenda di Cristalda e Pizzomunno, è triste ma romantica!💖 Buona serata!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! Nemmeno io conoscevo questa storia...sono stata contenta di scoprirla con la canzone! :-)

      Elimina
  5. che bello il tuo febbraio Silvia, molto a tema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Sì, ci sono state un bel po' di cose belle, dai :-)

      Elimina
  6. Mi piace il tuo recap :) Mi fa pensare che forse ho sottovalutato made in italy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! A me il film è piaciuto molto :-)

      Elimina
  7. Ciao Silvia :) vorrei proprio vedere il film di Ligabue ed ora mi hai convinta! Anni fa lessi un suo libro intitolato "La neve se ne frega" che ti consiglio, Ligabue non è un artista a tutto tondo!

    PS ti ho nominata per un riconoscimento ecco il link https://lperlibro.blogspot.it/2018/03/blogger-recognition-award-2018.html

    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emili! Spero che il film ti piaccia :-) Grazie di cuore per la nomination, provvederò al più presto!

      Elimina